0

The articles of the week (Gli articoli della settimana)

(ENG version     —     segue versione ITA)

For those who have not had the chance to access this blog lately, please find here the articles of the week.

 

goretti - umbria

goretti – umbria

1- Women and wine! (in italian)

2- What does really mean “tradition and innovation” in the wine world?! let’s see it in Umbria, central Italy…

 

Continue reading

Advertisements

Too many talent shows! (troppi talent show in cucina denuncia Gualtiero Marchesi)

(ENG version   —   segue versione ITA)

Mr. Gualtiero Marchesi is one of the most important italian chef. In view of Expo 2015 (a great fair which will take place in Milano-Italy from May 2015 with the theme “Feeding the planet”) denounces there are too many talent shows, chef should return to do their original job!

expo_2015

expo_2015

Stop to complicated dishes, improbable combinations and strange ingredients. It’s all about cooking well and make sure the dish arrives on the table with grace and style.

And when the journalist asks if he cooks, he answers that he has never cooked, others have always cooked for him: “I am a composer. I have had some ideas, and ideas are immortal”.

 

(Source: Expo Magazine)

 

(versione ITA)

gualtiero marchesi

gualtiero marchesi

Gualtiero Marchesi, il Maestro della cucina italiana che non richiede presentazioni, denuncia il fenomeno dei talent show che ci bombardano:  “Stop ai piatti complicati, agli abbinamenti improbabili e agli ingredienti strani. La vera arte è cuocere alla perfezione una costoletta e fare in modo che arrivi in tavola con grazia e stile”. Tutto in vista di Expo 2015.

E quando la giornalista chiede se lui cucina, la risposta è “Mai”, da non credere: gli altri cucinavano per me. Sono un compositore. Io ho avuto delle idee e le idee sono immortali”.

Leggi l’intero articolo qui: http://magazine.expo2015.org/cs/Exponet/it/gusto/gualtiero-marchesi.-basta-con-i-talent-show–che-i-cuochi-tornino-a-fare-il-loro-mestiere

 

X edizione del Salone del Gusto e Terra Madre – evento di enogastronomia biennale internazionale (In italian)

Questo è l’ “Anno internazionale dell’Agricoltura Familiare” dichiarato dalle Nazioni Unite.

Questa è la decima edizione di un evento che celebra il cibo di tutto il mondo e l’agricoltura familiare innanzitutto.

Si svolge a Torino presso Lingotto Fiere: dal 23 al 27 Ottobre siamo “Tutti a bordo dell’arca del gusto”.

title

title

Numerosi gli stand disponibili al pubblico per capire di più e meglio sull’artigianalità dell’enogastronomia: la forza dell’Italia e l’antidoto alla crisi causata da una globalizzazione troppo spinta. Espositori, Presidi Slow Food (cioè aziende selezionate da un garante della qualità, Slow Food, protagonista dell’evento), comunità da tutto il mondo.

Il salone si allarga e si espande in tutto il Piemonte: diversi i ristoranti che in quelle sere offriranno menù dedicati con gli “APPUNTAMENTI A TAVOLA” non solo a Torino Città.

Infiniti i LABORATORI dedicati alla cucina, alle degustazioni di vino, alle birre, ai rum, al sigaro e così via, inclusi i sapori internazionali; una sezione speciale FUCINA PIZZA&PANE simboli di una cucina semplice ma di eccellenza e prestigio internazionale. Non manca lo spazio per il cocktail nella sezione MIXOLOGY.

copertina

copertina

La novità è LA SCUOLA DI CUCINA, con coinvolgimento diretto dei partecipanti.

E tanto altro ancora consultabile sul sito dell’evento (QUI) inclusi gli intrattenimenti serali; Gli eventi sono differenziati: per amanti, per esperti, per famiglie e bambini, per appassionati di cucina o vino e i più golosi.

 

Si torna, finalmente, alla terra e lo si fa con gusto, non solo quello italiano: tipicità non significa chiusura, eccesso di globalizzazione e ritorno alla territorialità non significa mancanza di scambio ma esaltazione delle differenze, perché qui troverete Francia, Inghilterra, Belgio, Etiopia, Cina, Indonesia, Australia e Nuova Zelanda, Caraibi, Canada, la mia amata California e tanti altri paesi ancora insieme a tutte le regioni italiane con le proprie specialità!

Ancora una volta ci metterò i piedi e il naso e le orecchie e il gusto e vi racconterò come meglio riuscirò a fare, seguitemi in quei giorni (23-27 Ottobre 2014) anche sui social.

 

 

Food you cannot pair with wine (il cibo che non puoi abbinare al vino)

(ENG version   —   segue versione ITA)

If you love eating raw fish with an aged red, do it! The taste is subjective and everyone should be free to eat what he/she likes and make the combinations he/she prefers.

artichoke (carciofo)

artichoke (carciofo)

It ‘s true, however, that there are criteria which help in food and wine pairings so that the aromas of the wine does not prevail over food’s one and vice-versa. And there are some foods really difficult to match with wine.

Here are some examples:

 

  • Chocolate: maybe you could try with certain kinds of very aged reds, with toasty and spicy notes or, better,  liqueur reds like Porto;
  • Liqueur Cakes: the presence of liquor makes difficult the combination of any wine;
  • Artichokes: especially if raw, because they make the wine sweet or metallic;
  • Fennel: because of their aromatic persistence with which the wine is not always able to compete;
  • Spices and chilli then: they “burn the palate“, you can hazard a wine with high acidity and low in alcohol;
  • Food with vinegar: vinegar ‘s aroma does not fit easily with wine.
spices (spezie)

spices (spezie)

(versione ITA)

Se ami mangiare il pesce crudo con un rosso invecchiato, fallo! Il gusto è soggettivo e ciascuno deve essere libero di mangiare ciò che preferisce e con gli abbinamenti che preferisce.

E’ vero, tuttavia, che esistono dei criteri che aiutano negli abbinamenti cibo-vino affinché gli aromi del vino non prevalgano -coprendo o distorcendo- quelli del cibo e viceversa. Ed esistono alcuni cibi spesso oggetto di discussioni, davvero difficili da abbinare al vino.

chocolate

chocolate

Ecco alcuni esempi:

  • Cioccolato: forse si potrebbe tentare con qualche rosso molto invecchiato con note tostate e speziate o, meglio, un rosso liquoroso tipo Porto;
  • Torte liquorose: la presenza di liquore rende difficile l’abbinamento di qualsiasi vino;
  • Carciofi: soprattutto se crudi perché rendono il vino metallico oppure dolciastro;
  • Finocchi: data la persistenza aromatica con cui quella del vino non sempre riesce a competere;
  • Spezie e quindi peperoncino: questi “bruciano il palato”, si possono azzardare vini con un’alta acidità e comunque poco alcolici
  • Cibi Acetosi: l’aceto non si accorda facilmente col vino
2

Have you ever had a 16 years old white wine?! (La verticale di bianchi di Mastroberardino con un Fiano di… 16 anni!)

 

(ENG version  —  segue versione ITA)

Luciano Pignataro, notorius wine journalist, a few years ago wrote a story on Il Mattino (historic and popular newspaper of Napoli) about a 8 years old ‘Greco di Tufo’ (typical white wine of Campania region, in the south of Italy). He meant ‘Greco di Tufo’ of the historic Mastroberardino winery, famous for its  “Radici” Taurasi (another typical red wine of this great region: read more on a previous story I wrote here) without, however, neglect the whites which in the south of Italy are numerous and excellent.

I remember it well because in that period I worked for the PR & Press Office of Mastroberardino. Not only, I was there when we launched this “Vintage” line: bottles “forgotten” in the cellar and rediscovered -voluntarily- after a while.

We are in 2010 and Mastroberardino is ready to launch 3 wines: the red wine Aglianico 1998;  and then 2 white wines: ‘Greco di Tufo’ and ‘Fiano di Avellino’, both vintage 2002. My calculations are correct: Luciano in the 2010 wrote about that 8 years old ‘Greco di Tufo’!

fiano-di-avellino-2002 the label

fiano-di-avellino-2002 the label

And I also remember when we studied the label, we were looking for something simple to replace the traditional style of the company and of this new line, then the CEO, Dario Pennino, came up with a proposition in one of our meetings, he took a blank sheet and a pen and said “why do not we do this (scribbling): Vintage lettering like a signature on the label” and so it was, after some tests, the label was ready: simple, elegant, effective (see pic).

The enthusiasm in the company was high, the topic (aged white wines) was (and still is) hot but  few other companies could deal with that with such naturalness. Oh yes, because Mastroberardino is able to present a wine tasting of Fiano di Avellino in the 2014 starting right from vintage 2002, oh I am wrong, because Massimo Di Renzo, the enologist at Mastroberardino, with his notorious calm announced a surprise: he had brought a ‘Fiano di Avellino’ 1998!

For this tasting we were in Paestum (Monday the 12th) at the Mozzarella routes, fine food and wine event to promote and discover some more secrets, pairing and curiosities about a product as loved as unique: Mozzarella di Bufala from Campania region (I wrote more about this event in a previous story: read it here). More in details, we were in the space of the event with the english title “Looking for white” created and presented by Luciano Pignataro itself, who, together with Massimo Renzo, and Maria Sarnataro (Sommelier) entertained us in this journey of taste and smell as few.

fiano di avellino (white) 1998

fiano di avellino (white) 1998

The tasting was held as follow: Fiano, Vintages 2010 and 2009 in preview (yes, even if today we are used to buy 2/3 years old white wines, those ones are still too young to be worthy of that label); then we had the vintages 2008, 2006, 2002, and as I mentioned 1998!

My favorite? The 2002! Do you think is a matter of emotional connection?!

Wines with an incredible balance, it seems they have aged in wood although they do not; they were elegant wines without any peak of a note rather than another. Good acidity, great smell of mature yellow fruits, and toasted notes in the older vintages.
(versione ITA)

l'articolo di Luciano Pignataro del 2010

l’articolo di Luciano Pignataro del 2010

Luciano Pignataro, affermato giornalista enogastronomico campano, qualche anno fa scriveva un pezzo su Il Mattino (storico e popolare giornale di Napoli), e dava “La” notizia: “un Greco di 8 anni fa grande bianco da elevamento”. Si riferiva al Greco della storica azienda campana Mastroberardino che si afferma con il celebre Radici Taurasi senza, però, trascurare mai i bianchi che in Campania sono numerosi ed eccellenti.

Lo ricordo bene quell’articolo perché in quegli anni mi occupavo dell’Ufficio stampa della Mastroberardino. Non solo, ero lì quando in azienda lanciammo la linea “Vintage”: le classiche bottiglie “dimenticate” in cantina e riscoperte -volontariamente- dopo un bel po’. Siamo nel 2010 e la Mastroberardino è pronta con 3 vini da lanciare: un Aglianico del 1998 (ho detto Aglianico signori, non Taurasi che, grazie ad un allevamento diverso in vigna e agli affinamenti più lunghi sia in legno sia in bottiglia, si presta molto più facilmente all’invecchiamento, leggi un precedente articolo qui); e poi 2 bianchi Greco di Tufo e Fiano di Avellino, entrambi del 2002. I calcoli tornano: Luciano nel suo articolo del 2010 parla del Greco di otto anni prima: del 2002!

E ricordo come fosse ieri lo studio dell’etichetta, cercavamo qualcosa di semplice che non stravolgesse l’immagine aziendale e che non fosse lontano dal carattere tradizionalista dell’azienda ma anche della linea cha andavamo a proporre. Finché, l’amministratore delegato nonché Direttore Marketing e Vendite, Dario Pennino, in una delle nostre riunioni prende un foglio A4 ed una penna e dice “perché non facciamo così (scarabocchiando): una scritta Vintage come fosse scritto a penna sull’etichetta” e così fu, dopo qualche prova l’etichetta era pronta: semplice, elegante, efficace (vedi foto su).

L’entusiasmo in azienda è alle stelle, si sapeva di affrontare un tema delicato (i bianchi da invecchiamento) ma che poche altre aziende avrebbero potuto affrontare con tanta naturalezza. Eh si, perché Mastroberardino è in grado di presentare una verticale di Fiano di Avellino nel 2014 partendo proprio dall’annata 2002, anzi no, Massimo Di Renzo, l’enologo, col suo fare pacato ci annuncia una sorpresa: un Fiano di Avellino 1998!

Siamo a Paestum in occasione delle Strade della Mozzarella, raffinato evento enogastronomico che si tiene da diversi anni per promuovere e riscoprire segreti, abbinamenti e curiosità su un prodotto tanto amato quanto unico: la Mozzarella di Bufala Campana (presentavo l’evento in un precedente articolo: leggi qui).

Ancora meglio, siamo nello spazio “Looking for white” creato e presentato da diversi anni da Luciano Pignataro, il quale insieme a Massimo di Renzo e Maria Sarnataro (AIS Cilento) ci intrattengono in questo percorso gusto-olfattivo come pochi.

La degustazione si è tenuta così: Fiano Vintage 2010 e 2009 in anteprima (ebbene si, nonostante oggi sul mercato siamo abituati a trovare vini bianchi di 2/3 anni più vecchi, questi sono ancora troppo giovani per essere degni di tale etichetta); poi 2008, 2006, 2002 e come accennavo 1998! La mia preferita? La 2002, dite sia una questione di legame affettivo?!

Vini con un equilibrio incredibile, sembra che facciano legno pur non essendo così, vini eleganti, che lasciano spazio all’insieme: non ci sono picchi di una nota piuttosto che un’altra.

Ora, io le note sui vini ce le ho ma davvero crediate ce ne sia bisogno? Però, per i più rigorosi rimando a chi prima di me aveva già provveduto a pubblicarle: rimando al pezzo di Marina Alaimo, sul blog di Luciano Pignataro stesso: http://www.lucianopignataro.it/a/grande-notizia-lsdm-verticale-del-fiano-di-avellino-vintage-matroberardino/72183/